Magistri astronomiae dal XVI al XIX secolo: Cristoforo Clavio, Galileo Galilei e Angelo Secchi”. Testimonianze documentarie e strumenti scientifici

Mostra “Magistri astronomiae dal XVI al XIX secolo: Cristoforo Clavio, Galileo Galilei e Angelo Secchi”. Testimonianze documentarie e strumenti scientifici.
Sono esposte per la prima volta lettere inedite di Galileo Galilei e Cristoforo Clavio, come la missiva del 1609 in cui Galileo parla a Clavio della sua scoperta della discontinuità della superficie lunare, vista attraverso il telescopio.
In mostra 10 tra manoscritti e lettere del Fondo Clavius ai quali si aggiungono 7 strumenti scientifici e un globo terrestre.
È l’occasione per parlare della raccolta dell’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana, 299 lettere e 7 manoscritti autografi recuperati grazie al progetto di valorizzazione e digitalizzazione finanziato dalla Fondazione Sorgente Group.
Tutte testimonianze inedite degli studi astronomici dello scienziato Galileo Galilei, del matematico gesuita Cristoforo Clavio e dell’astronomo gesuita Angelo Secchi, che partono dal XVI secolo e pongono le basi della moderna astronomia. Insomma, un vero viaggio alla scoperta della volta celeste attraverso gli studi dei primi esploratori delle stelle!

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter