Mainetti (Sorgente), la Borsa e gli incentivi per l’edilizia

Mainetti (Sorgente), la Borsa e gli incentivi per l’edilizia

«L’andamento positivo dei fondi immobi­liari quotati conferma le potenzialità del settore ma per coglierle il governo deve fare di più, mol­to di più». Valter Mainetti (foto), azionista di rife­rimento e amministratore delegato di Sorgente Group (che sta per quotare in Borsa la controlla­ta Sorgente Res), commenta così i risultati dì Borsa delle ultime settimane e aggiunge: «Qual­che segnale di svolta si sta delineando. GIi an­nunci sul taglio delle tasse sulla casa sono un fat­to positivo. La crisi dell’immobiliare è di portata tale che occorrono cambiamenti radicali. Non bastano segnali isolati, sia pure rilevanti. Serve una legge quadro di settore, che ne permetta il rilancio. Tutti sono consapevoli che è decisivo per dare una spinta forte all’economia. Finora nessuno è riuscito a passare dalle parole ai fatti.Matteo Renzi, che punta sulle discontinuità e sulle riforme, può farcela. Di sicuro ha una occasione formidabile per lasciare il segno. Deve farlo in fretta perché il rischio è che invece di andare avanti si torni indietro, lo conferma la vendita di Italcementi, l’ennesimo caso di una grande azienda italiana che deve cedere il passo anche perché non ha potuto contare su un mercato interno adeguato».
Sempre Mainetti, diventato nelle settimane scorse uno degli azionisti di comando del quotidiano il Foglio insieme al banchiere Matte Arpe, dice: «La grave crisi dell’edilizia ha colpito l’intera filiera, dalle costruzioni ai fornitori di materie prime come cemento e calcestruzzi. Se ci fosse stato un sostegno serio al settore anche la vicenda Italcementi poteva finire diversamente (evitando la vendita al gruppo tedesco, ndr)». Su cosa servirebbe l’immobiliarista non ha dubbi: «Occorre un provvedimento che coinvolga l’intera filiera raggiungendo almeno tre obiettivi: lo snellimento delle procedure, un pacchetto d’incentivi fiscali, la spinta alle banche affinché riaprano i cordoni della borsa tornando a finanziare gli investimenti nell’edilizia, dai restauri alle nuove costruzioni. La strada, del resto, è obbligata. Soltanto la ripresa del settore dell’edilizia permetterà l’uscita definitiva dalla crisi. In caso contrario i primi segnali di miglioramento sono destinati a restare tali».

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter

Fonte articolo:

Corriere della Sera

Autore:

Sussurri&Grida

Luogo:

Roma