Fondi immobiliari per il Sud, Sorgente investe 240 milioni

Lo sviluppo del Mezzogiorno passa soprattutto dagli investimenti immobiliari. A Matera e Lecce, città simbolo del Meridione che funziona, l’8 e il 9 aprile scorso si è svolto «Forum del Sud: investire nel territotio per rilanciare il Paese», convegno organizzato da Scenari immobiliari e Cassa Depositi e Prestiti. Esperienze, testimonianze e proposte per la promozione di investimenti immobiliari di qualità. E in questo scenario, Sorgente Sgr, la società di gestione italiana di Sorgente Group specializzata in fondi immobiliari, ha annunciato di aver investito 240 milioni di euro nel Sud Italia (pari a circa il 10% del patrimonio gestito attraverso i fondi immobiliari) e di essere pronta a nuove iniziative in Sicilia e Puglia. Al Forum, a cui hanno preso parte numerosi operatori dell’economia e autorità istituzionali, è intervenuto Giovanni Cerrone, direttore generale di Sorgente Sgr, che ha detto: «Guardiamo con attenzione a progetti finalizzati alla rigenerazione urbana, alla realizzazione di infrastrutture logistiche, al restauro di edifici storici e alla riqualificazione di ex siti industriali. Nonostante le difficoltà, questi territori esprimono grandi potenzialità negli investimenti immobiliari e noi siamo pronti a coglierle prediligendo il dialogo con amministrazioni efficienti e operando accanto a partner finanziari e industriali qualificati e con un forte collegamento con il territorio». Puglia, Sardegna e Calabria sono le principali regioni meridionali in cui Sorgente Sgr è presente con strutture di tipo alberghiero, direzionale, commerciale e logistico, oltre che con una decina di impianti fotovoltaici. Il Gruppo, che fa capo a Valter Mainetti ha investito anche in Campania e in Sicilia dove è in fase avanzata il progetto di strutturazione di un nuovo fondo da circa 100 milioni con operatori locali e nazionali. «La presenza di Sorgente nel Sud Italia è destinata a crescere grazie anche ad iniziative di istituzioni ed enti locali per la valorizzazione-recupero di immobili e lo sviluppo di aree», fanno sapere i manager di Sorgente Sgr.

In Puglia attualmente si concentra oltre il 50% degli investimenti effettuati al Sud e si conferma la regione con la maggiore attrattività, «anche grazie alla lunga e consolidata partnership con operatori finanziari ed industriali di assoluto rilievo presenti nella regione». E aggiungono: «La forte vocazione turistica, uno scenario non altamente competitivo, la presenza e la potenzialità di immobili di valore storico e/o architettonico dismessi e da restaurare, valorizzare e riqualificare (per esempio, l’ex Manifattura Tabacchi nel centro storico di Bari), le numerose caserme in disuso e le sedi ospedaliere da riconvertire, creano le condizioni favorevoli per realizzare nuovi investimenti in una regione in cui le istituzioni si sono attivate con lo stanziamento di fondi per la riqualificazione del patrimonio architettonico e artistico dei Comuni e dove le norme introdotte con il decreto Sblocca Italia stanno agevolando i cambi di destinazione d’uso degli immobili». Attualmente Sorgente Sgr investe in Puglia in modo diretto attraverso i fondi Puglia Due, Puglia Uno, San Nicola e Tulipano che possiedono, tra l’altro, immobili di elevato pregio nel settore turistico alberghiero come Grand Hotel delle Nazioni e l’Hotel Oriente di Bari, lo splendido Borgo Egnazia di Fasano e Porto Giardino a Monopoli. Sorgente Sgr è la società di gestione italiana di Sorgente Group ( con circa 2,5 miliardi d i assetunder management. II Gruppo opera con tre holding indipendenti tra di loro, Sorgente Group Spa (Italia), Sorgente Group of America Corp. (Usa), Sorgente Group International Holding Ltd ( Gran Bretagna) ,nel settore degli investimenti e della finanza immobiliare. Le società immobiliari, finanziarie e di servizi immobiliari sono oltre 60 (situate in Italia, Francia, Svizzera, Gran Bretagna, Lussemburgo, Emirati Arabi e Usa). Nell’ambito del Gruppo. il patrimonio immobiliare posseduto dai fondi e dalle società controllate, sommato a quello gestito — al 31 dicembre 2014 — è di oltre 5 miliardi di euro (oltre 6 miliardi di dollari ). Il portafoglio è costituito soprattutto da asset trophv e iconici distribuiti in tutto il mondo tra i quali spiccano il Flatiron di New York, il Fine Arts Building di Los Angeles, la Clock Tower di Santa Monica e la Galleria Colonna a Roma. Giovanni Cerrone è diventato direttore generale di Sorgente Sgr dal 1° dicembre 2015.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter

Fonte articolo:

Corriere del Mezzogiorno Economia

Autore:

Salvatore Avitabile