Arriva il Giubileo. A Roma risalgono i prezzi delle case

Buone notizie per l’immobiliare. I prezzi dovrebbero finalmente aumentare a Roma nel prossimo anno – dopo almeno sette anni di discesa – grazie soprattutto all’effetto-Giubileo. Lo prevedono i circa 200 operatori del settore intervistati per l’indagine “Sentiment del mercato immobiliare”. L’indagine, elaborata su base quadrimestrale da Claudio Cacciamani dell’Università di Parma, in collaborazione con Sorgente Group e Federimmobiliare, mostra che ben il 43,3 per cento degli operatori prevede che le regioni centrali abbiano più chance rispetto al resto d’ Italia. Roma, in particolare, è ai primi posti come meta d’investimento per le case, per i negozi e per gli alberghi. Da notare che la capitale è adesso in pole position nelle previsioni per quanto riguarda gli hotel, dopo Milano che risente dell’effetto-Expo. Tutta l’Italia risentirà comunque dei benefici effetti del Giubileo. L’indice Fiups, che sintetizza le aspettative degli operatori, risale da 19,21 a 20,05, in un crescendo che dura dalla fine dello scorso anno.

Le prime risposte a carattere generale evidenziano maggior fiducia nell’economia del paese, che secondo il 64% degli intervistati è in miglioramento, contro il 21,5% dello scorso quadrimestre. Altrettanta fiducia viene espressa per i prossimi 12 mesi. Nel settore immobiliare il 49% prevede stabilità e il 40,63 un miglioramento. L’elemento forse più interessante è la previsione di una crescita delle quotazioni: secondo il “sentiment” degli operatori, saranno avvantaggiati prima di tutto residenziale e commerciale. In second’ordine anche uffici e alberghi. Un’altra buona notizia, collegata al miglioramento delle aspettative, è che si ridurranno i tempi per la commercializzazione delle abitazioni, mentre per uffici e immobili industriali il trend pende a favore di una stabilità; non bisogna infatti dimenticare che proprio queste ultime due categorie sono state le più colpite negli anni scorsi.

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter

Fonte articolo:

La Repubblica

Autore:

Adriano Bonafede

Luogo:

Roma