Fondazione Sorgente Group: rinnovata l’adozione del Giardino degli Aranci con il Comune di Roma

La Fondazione Sorgente Group ha siglato con il Comune di Roma – Dipartimento Tutela Ambientale il rinnovo dell’Adozione del Giardino degli Aranci per il 2017, confermando quindi l’impegno nella tutela di quest’area verde della Capitale di grande valore storico e paesaggistico.

Il Giardino degli Aranci, uno dei panorami più belli e famosi di Roma, grazie alle risorse professionali e finanziarie della Fondazione che fa capo a Paola e a Valter Mainetti, è stato riportato all’antico splendore, come lo aveva progettato l’Architetto Raffaele de Vico, e infine “riconsegnato” alla città con una cerimonia lo scorso 21 aprile.

L’intervento della Fondazione, iniziato nel novembre 2015, ha interessato la riqualificazione di questa particolare area dell’Aventino con attenzione agli aspetti architettonici e naturali. E oggi i visitatori dello storico giardino possono tornare a percorrere i bianchissimi viali che costeggiano il prato verde, apprezzando, oltre al panorama, anche il nuovo decoro, gli aranci potati e curati, gli oleandri nei grandi vasi.

“Il nostro intervento sul Giardino – ha dichiarato Paola Mainetti, Vicepresidente della Fondazione Sorgente Group – è un ottimo esempio di sinergia tra Pubblico e Privato, che si rinnova. Siamo contenti di poter collaborare con la Città di Roma per salvaguardare e conservare un patrimonio storico-culturale tra i più belli al mondo, che siamo orgogliosi di aver riportato al suo antico incanto”. Dichiara la Presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi: “Sono lieta che la Fondazione Sorgente Group abbia voluto rinnovare il suo impegno per la cura di un luogo magnifico come il Giardino degli Aranci. Roma ha bisogno – oggi più che mai – che le migliori forze imprenditoriali ed economiche della città si mettano in gioco per affiancare le istituzioni nella tutela del suo patrimonio di bellezza, che è immenso e fragile, come i recentissimi fatti di cronaca hanno ancora una volta dimostrato”.

Leggi la rassegna stampa

Share on FacebookShare on Google+Share on LinkedInTweet about this on Twitter